La rete

La Rete Territoriale Interistituzionale Antiviolenza “HelpDonna” promuove il coordinamento delle azioni di Servizi Sociali, Forze dell’Ordine, Pronto Soccorso e Centri Antiviolenza dirette a contrastare l’uso della violenza nei rapporti interpersonali e a garantire soccorso e sostegno alle donne che ne sono vittima, attivando collaborazioni stabili tra i diversi soggetti mediante l’offerta di una serie di prestazioni articolate a seconda dei bisogni espressi. La Rete “HelpDonna” nasce dall’unificazione delle Reti Interistituzionali Antiviolenza di Busto Arsizio e Saronno (avvenuta in data 21 ottobre 2015), con la successiva adesione degli ambiti territoriali di Gallarate e di Somma Lombardo, per un bacino d’utenza complessivo di circa 370.000 abitanti.

Il Comune di Busto Arsizio è l’ente capofila.

Alla Rete aderiscono:

  • soggetti considerati essenziali, ai sensi del Piano quadriennale regionale per le politiche di parità e di prevenzione e contrasto alla violenza contro le donne costituiti da:

Enti Locali, Centri Antiviolenza, Strutture di Ospitalità,
Enti del Sistema Sanitario e Socio-Sanitario, Forze dell’Ordine

  • soggetti del Terzo Settore e del Privato Sociale, costituiti da:

Associazioni di Volontariato, Organizzazioni Sindacali,
Ordini Professionali

  • altri soggetti istituzionali costituiti da:

Consigliera Pari Opportunità Regionale, Consigliera Pari Opportunità Provinciale, Comitato Provinciale CONI Varese, Ufficio Scolastico Territoriale di Varese.

I rapporti fra i soggetti della Rete sono definiti attraverso Protocolli d’Intesa e Protocolli Operativi finalizzati a:

  • sostenere, consolidare e accrescere le attività dei Soggetti essenziali, operando in modo coordinato e integrato;
  • garantire la disponibilità di risorse umane e strumentali in grado di assicurare la sostenibilità e la continuità delle azioni e dei servizi attivati nel tempo;
  • potenziare la capacità di protezione e ospitalità della rete, attraverso il continuo miglioramento dei servizi erogati dai centri antiviolenza e dalle strutture di accoglienza;
  • assicurare procedure di rete finalizzate a definire modalità di accesso, accoglienza, presa in carico, messa in protezione e delimitazione del percorso di fuoriuscita dalla violenza.
Skip to content